Gentiloni “Per l’Italia riduzione del debito sarà più graduale”

“L’Italia dovrà ridurre il livello del proprio debito, credo che non ci sia nessun italiano che non ne sia consapevole, non solo al Governo ma in generale perchè il debito elevato ha le difficoltà che tutti noi conosciamo”. Così il commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni, a margine della presentazione della riforma delle regole del Patto di Stabilità e Crescita proposta dalla Commissione europea. “Quello che possiamo dire è che quando questa riforma verrà approvata l’Italia potrà farlo in modo più graduale e potrà farlo anche in un modo che avrà deciso l’Italia. è molto importante”, ha spiegato. “Poi, se guardiamo il corso degli ultimi 30-40 anni, abbiamo avuto diversi periodi in cui il debito è stato ridotto più o meno significativamente e dobbiamo considerare quei periodi come periodi positivi, nei quali non sono mancati gli investimenti. Molto spesso il debito aumenta per una cattiva qualità della spesa pubblica e non soltanto per fare degli investimenti positivi. Penso che sarà graduale, sarà realistico e consentirà, ovviamente con una buona qualità di spesa pubblica, lo spazio necessario per investire. Per aumentare gli investimenti non bastano le regole fiscali. Penso che fin qui non ci fosse un meccanismo per favorirli adesso questo meccanismo c’è”, ha aggiunto Gentiloni. Quindi “è nell’interesse dell’Italia avere un percorso realistico di riduzione del debito e se abbiamo incentivi per gli investimenti sui beni comuni europei questo lo è ancora di più. Di favorevole c’è che ogni Paese stabilisce, tenendo conto dei riferimenti che la Commissione fornirà, un percorso fiscale dai 4 ai 7 anni: ciò consentirà maggiori responsabilità su questi piani e il non doversi affidare a regole troppo astratte”, ha continuato. Il commissario ha ricordato che il nuovo quadro di regole darà “più spazio nella politica di bilancio e più gradualità nella riduzione del debito per i Paesi che si impegneranno nei settori strategici” come le politiche ambientali e gli investimenti nel digitale. “Tra le novità, ci sarà una discussione tra i Paesi sui settori da privilegiare” ha concluso Gentiloni.
(ITALPRESS).
-foto agenziafotogramma.it-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generated by Feedzy
Scroll to Top