Il mercato degli smartphone è ancora in calo

ROMA (ITALPRESS/TraMe&Tech) – Il mercato degli smartphone registra ancora un segno meno, secondo le rilevazioni di Omnia che riguardano il primo trimestre 2023. Le spedizioni hanno infatti totalizzato 268,5 milioni di unità, con un calo del 12,7% rispetto al Q1 2022 e dell’11,1% rispetto al trimestre precedente. Due delle maggiori aziende, Samsung e Xiaomi, hanno registrato un calo delle spedizioni del 18,3% e del 22,0% rispetto all’anno precedente. Mentre Apple è rimasta ferma ai livelli di spedizioni di dodici mesi fa.
Secondo il rapporto Omdia sul mercato degli smartphone, nonostante il forte calo Samsung è ancora il produttore con il maggior numero di spedizioni nel primo trimestre del 2023, con 60 milioni di pezzi. Ha registrato un piccolo aumento del 3,2% nelle spedizioni rispetto al trimestre precedente, ma il suo vantaggio su Apple è diminuito rispetto al primo trimestre del 22. Passando da 18 milioni di unità in più a soli 3 milioni in più. Per questo motivo la sua quota di mercato è scesa dal 24% al 22%.
Dopo la consueta impennata registrata da Apple nel quarto trimestre del 2022, le sue spedizioni sono scese di nuovo ai soliti livelli. E sono rimaste ferme ai 57 milioni di spedizioni registrate nel primo trimestre del 22. Si tratta di un calo del 23,5% rispetto al trimestre precedente, ma di un aumento dello 0,1% rispetto allo stesso periodo del 2022. Ciononostante, la quota di mercato di Apple è aumentata di anno in anno, passando dal 18% del primo trimestre del 2012 al 21% del primo trimestre del 2013. Il che significa che cupertino sta affrontando la tempesta economica meglio di altri produttori. E si sta riprendendo dall’interruzione della sua striscia di otto trimestri/due anni di crescita continua su base annua, terminata nel 4Q22.
“A causa di interruzioni della produzione presso Foxconn a dicembre 2021, Apple non è stata in grado di fornire le quantità necessarie per la stagione di vendita più importante. Ovvero il Natale, e per la fine dell’anno. Di conseguenza, parte della produzione di Apple è stata riportata al primo trimestre di quest’anno – afferma Jusy Hong, Senior Research Manager di Omdia -. Per smaltire le scorte nei mercati più importanti, come quello cinese, all’inizio di quest’anno l’azienda ha condotto una promozione per abbassare il prezzo di vendita del nuovo iPhone. Questo ha fatto sì che il tasso di crescita annuale delle spedizioni nel primo trimestre sia stato relativamente migliore rispetto a quello di altri OEM. La promozione del prezzo del nuovo iPhone da parte di Apple nel primo trimestre è molto insolita. Sembra essere una strategia per ridurre le scorte e prepararsi al rallentamento del mercato degli smartphone previsto per la prima metà di quest’anno”.
Tra i nuovi iPhone della serie 14, il volume di vendite del Pro Max è stato il più alto, seguito dal modello Pro. Questo sembra essere l’effetto del display Dynamic Island applicato a entrambi i modelli. E della costante domanda di sostituzione da parte della classe ad alto reddito, relativamente meno colpita dalla recessione economica”.
Ecco la situazione invece degli altri competitor sul mercato degli smartphone.
Xiaomi occupa ancora il terzo posto, ma risente di condizioni di mercato più difficili rispetto agli altri OEM cinesi. Ha un grosso problema di scorte in America Latina e nel mercato europeo, e soffre la debolezza della domanda in India. Nel primo trimestre del 2003 ha registrato 31 milioni di spedizioni, con un calo del 22% su base annua e dell’8,1% su base trimestrale. La sua quota di mercato è dell’11% (-2%)
Oppo è calata del 2,2%, registrando 27 milioni di spedizioni. Ha una quota di mercato del 10% (+1%) e ha ridotto il divario da Xiaomi da 12 a 4 milioni
vivo scende dell’11,2 per cento a 24 milioni.
Transsion è ancora al sesto posto per numero di spedizioni nell’ultimo trimestre, con 13 milioni di unità. Ma si tratta di un calo del 15,4% su base annua e del 24,9% rispetto al trimestre precedente. Il problema dell’inflazione ha inoltre indebolito seriamente il potere d’acquisto del mercato dei segmenti ultra-bassi. C ome l’Africa, il Pakistan e il Bangladesh, che è il principale mercato dell’azienda. Che sta invece ottenendo una buona crescita in regioni come le Filippine, l’Indonesia e i Paesi dell’America Latina.
Le spedizioni di Honor sono scese ai livelli più bassi dopo l’incredibile crescita registrata nella seconda metà del 2021. Con un calo del 26,3% a 11 milioni di pezzi.
realme è il marchio che ha subito uno dei maggiori cali, Passando da 15 milioni di spedizioni nel Q1 22 a 8 milioni nel Q1 23, con un calo del 43,8%. Rispetto al trimestre precedente, il calo è del 27,4% da 11 milioni, per un nono posto per numero di spedizioni.
Motorola ha subito un calo minore ed è salita all’ottavo posto. Con 11 milioni di unità nel Q1 23, in calo del 12,5% rispetto ai 12 milioni del Q1 22.
“La correlazione tra i produttori cinesi e le condizioni di mercato peggiori degli altri non è una coincidenza. Questo calo maggiore si verifica nel contesto di una contrazione del mercato interno e dell’India. Realme, in particolare, potrebbe essere colpito più duramente da questa situazione, dato che la sua gamma di prodotti si colloca principalmente nella fascia di prezzo bassa. E e quindi la domanda è più elastica rispetto agli OEM che occupano la fascia alta del mercato degli smartphone”, ha dichiarato Zaker Li, Principal Analyst di Omdia.
Questa contrazione del mercato nazionale ha colpito anche i piani di ripresa di Huawei. Che ha registrato due trimestri consecutivi di contrazione delle spedizioni, dopo un anno di crescita dal Q4 21 al Q3 22. Tuttavia, l’azienda si trova ancora in una posizione migliore rispetto a un anno fa, registrando 6,5 milioni di spedizioni nel primo trimestre del 23. Con un incremento del 14,3% rispetto ai 5,6 milioni di smartphone spediti nel primo trimestre del 22.
Conclude Hong: “Le spedizioni degli OEM sono nuovamente diminuite, come previsto da Omdia. E i pochi che avevano previsto un aumento trimestre su trimestre hanno registrato cifre deludenti. In particolare Samsung dopo il lancio della serie S23”.
Il problema economico globale del mercato degli smartphone resta l’inflazione e la conseguente compressione dei pacchetti salariali e dell’economia. Il problema degli elevati livelli di scorte si sta lentamente risolvendo. Anche se la scarsa domanda dei consumatori sta prolungando il problema più del previsto. Per Omdia è probabile che il fondo verrà raggiunto nel 2° trimestre di quest’anno, prima di una risalita nella seconda metà del 2023.

– foto agenziafotogramma.it –
(ITALPRESS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generated by Feedzy
Scroll to Top